Sempre e per sempre


Tutte le cose sono maledettamente difficili, tutte le cose belle, ovviamente.
Quelle che ti fanno sognare, palpitare, quelle che la mattina ringrazi che esistano, quelle che ti costringono a uscire dalle coperte e a sorridere anche se non vorresti; quelle davanti alle quali proprio non puoi nasconderti.
Forse è quello che ci serve, forse abbiamo bisogno di essere lì, sul filo della perdita, sempre con la paura che quello che c’è potrebbe anche non esserci più; forse le cose più forti che proviamo sono quelle di cui non c’è certezza, forse proprio per questo sono così sorprendenti e devastanti e uniche.
O forse no.
Non lo so.
E allora puoi solo scegliere se andartene o restare.
E io ho scelto: io resto.
E non fino all’ultimo pezzo di noi, come qualcuno ha scritto, io resterò fino alla cenere, io resterò anche se tutto un giorno sarà sommerso e dovrò scavare per trovare quello che c’era; io resterò anche se tutto diventerà nero e cercherò l’arcobaleno per far tornare i colori.
Resterò, sempre.
Per tutto quello che c’è e per tutto quello che ci sarà.
Per tutto il meglio che deve ancora venire.

” […] In ricchezza e in fortuna, in pena e in povertà, nella gioia e nel clamore, nel lutto e nel dolore, nel freddo e nel sole, nel sonno e nell’amore.”


Alice Innocenti

Alice Innocenti, ventun anni, amante delle parole. Di ogni tipo di parola. "Nella vita vera non posso cancellare, tornare indietro, ripensare a quello che ho detto, correggerlo. Allora scrivo. Per prendermi la rivincita sulle parole. Per raccontare come sarebbe andata se avessi scelto quelle giuste".


RELATED POST

  1. vorrei saper scrivere come te. bellissima.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *