READING

Sunday cooking: insalata nizzarda con salmone

Sunday cooking: insalata nizzarda con salmone


Sono certa che a molte di voi, al sentire la sola frase “rituale della niçoise, domani” potrà venire in mente una sola cosa. Un film. Sbaglio? Julie&Julia? Vi ricordate?
Che insalata deliziosa, è l’insalata francese, per eccellenza. Se andate a fare un giro su internet ne troverete tante di quelle combinazioni da riuscire a mettere in imbarazzo qualsiasi altra insalatina.
La salade niçoise, insalata nizzarda in italiano, è ricca, golosa, colorata, completa, sana, fresca, un tipico piatto a base di verdura fresca originario del sud della Francia, in particolare di Nizza e della Côte d’Azur.

Le varianti sono infinite, almeno tanto quanto gli ingredienti immaginabili per realizzarla..si va dal peperone, alle acciughe, dal tonno al salmone, dalle olive alle fave e ai pomodori e fagiolini…insomma a ognuno la sua…
Io l’ho preparata con del salmone affumicato a fette, pomodori ben maturi, patatine novelle, uova sode e lattughino. Le uniche accortezze per le cotture riguardano le uova (per quelle sode la cottura si conta a partire dall’ebollizione per 8 minuti) e le patatine, ben lavate, pelate e cotte a vapore. Dovranno risultare tenere ma non troppo, non dovranno sfarsi.
Per gli altri ingredienti, abbiate cura di lavarli bene e affettarli, i pomodori a spicchi e le foglie di lattughino. Ho disposto nel centro del piatto le fette di salmone affumicato.

Il condimento può essere realizzato sia con un’emulsione di olio extravergine, aceto, sale e pepe (vinaigrette) oppure sostituire all’aceto la senape di Dijon, che andrà emulsionata con l’olio d’oliva, in questo caso senza aggiungere pepe e salando all’occorrenza. In aggiunta potete profumare con basilico oppure prezzemolo, erba cipollina….etc..o servire anche accompagnando il piatto con dei crostini di pane croccanti saltati in un filo d’olio d’oliva.


Claudia Ambu

Claudia Ambu, possiedo un bistrot virtuale sulla rete da tre anni. Laureata in scienze delle arti e dei beni culturali, inseguo il sogno del posto fisso, magari dietro il bancone del mio bistrot. Scrittrice, appassionata di fotografia e food, sono sempre alla ricerca di nuovi sapori, nuove storie da raccontare, con le parole e le mie immagini.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *