READING

Save the place: SOLO | Vinyls & Books |

Save the place: SOLO | Vinyls & Books |


Se pensate di trovarci Cinquanta sfumature di grigio ecco, andate a lasciare la vostra dignità da un’altra parte.
E NO, non siamo neppure dove si comprano i dischi dei Coldplay o dei Muse.
No. No E no.
A SOLO | vinili & libri | ci finiscono la musica indipendente, le autoproduzioni editoriali, le serigrafie in edizione limitata…
Si vabè .. Ma dove? a Milano al meno uno di via Carlo Tenca 10/a . Coordinate 45.480136,9.201561
Si ma com’è che ci si arriva? Da una rampa di scale che dal The Saint mariner, lo studio dell’artista e tatuatore Pietro Sedda, porta a 10×15 mt. di underground.
Dietro SOLO c’è solo Pietro, appunto.
Un ex – per scelta – del lavoro subordinato che da maggio 2012 ha deciso di reinventarsi nell’idea di uno spazio per quella cultura che in Italia, di spazio, non ne ha. (TROPPA, lo so).
Praticamente Pietro salva i progetti a rischio di estinzione, quelli obbligati al self publishing  per poter esistere.
Così a SOLO ci finiscono le screen-prints Sacramento Editions, i MICROLIBRI  autoprodotti di Arturo, gli lp della Ty Segall Band e delle etichette discografiche indipendenti, il Bestiario del Lavoro o i nuovi tentativi di autoproduzioni librarie di Bradiponauta.
Tra l’editoria, la musica indipendente e la narrativa underground c’è ancora abbastanza spazio per una sezione dedicata alla street art, alla grafica e all’immagine e sì, ho ancora abbastanza tempo per accorgermi di FUCKSIA, il manuale di controcultura grafica per le nuove generazioni di Giacomo Spazio, per scoprire le fotografie di Case Study Homes di Peter Bialobrzesky e per sfogliare gli sketchbook di Blu ed Ericailcane.
Ci rimango per più di un’ora che non basta, ma ogni mese sarà l’occasione buona per tornarci e non perdersi le temporary exhibitions collaterali di SOLO con le opere di Luca Di Maggio, Pixel Pancho o la mostra Mission To Art dello studio Sericraft.
Ora so come spendere il mio stipendio da precaria.

Solo per: tirature limitate di individui


Francesca Maio

Francesca Maio debutta nel mondo prematura, unica occasione in cui si presenta in anticipo ad un appuntamento. Era il 1988 e da allora colleziona minuti di ritardo e contrattempi. In questa vita s'inventa edizione limitata di un fumetto colorato fuori dai bordi.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *