Domenica in strada: DEM


Il 12 ottobre di 520 anni fa Cristoforo Colombo poggiava i suoi piedi sulle Americhe, anche se è stato Amerigo Vespucci a spiegare che non si trattava delle Indie come pensava il genovese, ma proprio del continente da cui Colombo e i suoi amici spagnoli hanno poi importato patate, pomodori e cacao. Quante immagini sono finite sui nostri libri di storia, quante volte avete letto “Terra!” ma quanti di voi si saranno chiesti su quale delle tre caravelle, la Niña, la Pinta o la Santa Maria, è salito Colombo alla volta delle Americhe? Secondo me in pochi, quindi non vi scomodate, ve lo dico io: Colombo è salito sulla Santa Maria. Ora che lo sapete potete tornare al vostro perditempo domenicale, magari appuntatevelo, potrebbe esservi utile per il Trivial Pursuit.
Restiamo con la mente a Genova per qualche altro minuto perché forse non tutti sanno che dal mese di Giugno di quest’anno il Porto Antico del capoluogo ligure ha cambiato un po’ il suo look, trasformandosi nella sede di un progetto di street art che coinvolge artisti italiani e non solo. Tra questi c’è anche DEM a cui dedico la puntata di oggi.
Artista lombardo ma globetrotter per ovvie ragioni, Dem ha iniziato la sua carriera di street artist circa venti anni fa, quando la passione per i graffiti lo mandava a caccia di ruderi e casolari abbandonati da conquistare a suon di colore. Oggi è uno dei più bravi artisti della scena street art made in italy e le sue grandi opere su muro finiscono sull nostro blog, proprio nelle immagini che ho scelto per voi.
Come vedete a Dem piace comporre personaggi con tratti umani e animali al tempo stesso, una certa dedizione verso un immaginario fantastico che lo porta a realizzare degli esseri che si avvicinano a qualche mitologia remota e che mettono in moto pensieri mistici in continua metamorfosi, proprio come le sue creature.
A Dem piace anche giocare con i colori, specie con il bianco, il nero ed il rosso con cui compone le sue storie che si leggono sui muri delle nostre città e spesso compaiono al fianco di altre storie e altri personaggi creati in collaborazione con Ericailcane o Blu, tanto per citare alcuni nomi che già conoscete.
Io vi suggerisco di andare a dare un’occhiata ai suoi ultimi lavori da Laszlo Biro a Roma.
Buona domenica!


Zelda

Mi chiamano Zelda, come la principessa dei Nintendo, come Zelda Sayre Fitzgerald, come Beautiful Zelda della Bonzo Dog Doo-Dah Band. Sono alta quanto una mela della Val di Non, sono impertinente come i miei capelli e mi nutro di street art, quella roba di cui vi parlo la domenica quando avete il cervello quadrato e parlate di rigori e schedine. Non potrete fare a meno di me.

Commenti

commenti


RELATED POST