READING

Kitsune-tsuki: il mito della volpe giapponese

Kitsune-tsuki: il mito della volpe giapponese


Mai sentito parlare del mito della volpe giapponese (Kitsune)?
Nella mitologia giapponese si credeva che questi animali possedessero una grande intelligenza, vivessero a lungo ed avessero poteri magici. Il principale tra questi ultimi era l’abilità di cambiare aspetto ed assumere sembianze umane, apparendo spesso con l’aspetto di una donna bellissima.
Altri poteri che sono spesso attribuiti alla Kitsune includevano la possessione, la capacità di appiccare il fuoco con la/e coda/e o di sputare fuoco, il potere di entrare nei sogni e l’abilità di creare illusioni così complesse da essere quasi indistinguibili dalla realtà. Alcuni racconti vanno oltre, parlando di Kitsune con la capacità di piegare il tempo e lo spazio, di far impazzire, o di assumere altre forme oltre a quelle umane, come un albero altissimo o una seconda luna in cielo.
Sicuramente suggestionato da questa mitologia, Gabriele Mariotti (ormai vecchia conoscenza di Organiconcrete essendo stato un paio di volte ospite di AUDIOSINCRETISMI) ha realizzato un corto isprirandosi alla figura della volpe sospesa tra mito, leggenda e mistero.
E questo è quello che Gabriele mi ha raccontato dalla lontana Eindhoven per descrivermi il suo progetto:
“Credo di avere un disturbo congenito per il quale finisco sempre per trasformare semplici indizi in progetti foto-video-grafici. Così è accaduto anche per l’ultimo progetto “kitsune-tsuki” (che letteralmente significa “posseduto dalla volpe“).
Inizialmente affascinato dalla figura selvaggia della volpe (mi è sempre sembrato che fosse un canide con atteggiamenti di un gatto), sono venuto a conoscenza dei folcloristici racconti nipponici, in cui si narra dell’aspetto demoniaco delle volpi che invadono lo spirito di giovani donne strappandole alla loro ordinaria esistenza matrimoniale e di conseguenza sono rimasto intrigato dalla possibilità di rendere dinamiche e concrete queste scene attraverso un prodotto video (così come già accaduto per altri miei recenti progetti come “Novembre” dopo aver letto Flaubert e dopo Lissitzky per “About 2 Square”).
Oltretutto, non posso negare che usufruire dell’ambiente olandese che mi circonda è, ed è stato, molto ispirante.”

_ progetto Behance: http://www.behance.net/gallery/Kitsune-tsuki/6637879
_ http://mrpineapplecut.prosite.com/


.


Luca Marinucci

Romano, studente (?), disoccupato; si definisce un perenne neofita dei suoi interessi: la street art, la lettura e la musica.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *